Archive for febbraio 2011

h1

Palinsesto

27 febbraio 2011

E' circa una settimana che quando mi alzo e accendo la TV appare la sua faccia da ipocrita pervertito.
Io cerco di sfuggire, ma gira gira, sempre lui in primo piano con le sue cazzate. L'ultima contro gli insegnanti di sinistra. (Che sembra abbia letto la discussione aperta da queste parti).
Ora: io sono nella media degli italiani,credo; guardo la Tv la sera e a volte la domenica quando non ho impegni.
Il mio palinsesto
Rainews24
TG3
Ballarò
Annozero
Tutto Totò
Fabio Fazio e il suo tempo che fà (adoro Gramellini)
Le partite del Cagliari (e quando ci sono coppe importanti tipo Milan Real Madrid ma tifo Barcellona)
Report
Artnews

e qualche film su Cinemania o Cult
Lui è ovunque e in ogni luogo, per confermare che è un dio. (Due riunioni diverse nello stesso albergo, con vaneggiamenti vari e la presentazione della madre come fosse la madonna).
Ieri davanti agli allievi carabinieri ha affermato che da giovane avrebbe voluto fare "anche" il carabiniere (per autoarrestarsi?)

Ma….
ora non mi resteranno nemmeno i film perchè dopo il Caimano esce la sua storia non autorizzata.
Ma si può?!

La mattina già mi alzo con le paturnie… vedere lui mi mette un malumore ma un malumore….
Quando finirà?

Annunci
h1

Per Bar in risposta al suo post di sabato 19 u.s.

21 febbraio 2011
h1

La terra delle cagate

17 febbraio 2011

AGI) – Sanremo, 17 feb. – "Domani mattina il dado sara' tratto", il 17 marzo sara' festa nazionale a tutti gli effetti in occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia. Lo ha annunciato il ministro della Difesa Ignazio La Russa nel corso di una conferenza stampa tenuta questa sera a Sanremo, dove assistera' dall'Ariston alla serata-evento che il Festival dedica all'Unita' d'Italia. Il ministro ha annunciato che l'argomento sara' affrontato in Consiglio dei ministri e ha aggiunto: "Non tocca a me dare l'annuncio ufficiale, ma dal mio sorriso e da quello del ministro Meloni (anche lei e' in sala stampa, ndr) capite facilmente che domani ci sara' il si'". La Russa ha aggiunto: "Il governo aveva gia' fatto una legge che il Parlamento ha approvato perche' il 17 marzo fosse festa nazionale a tutti gli effetti. Poi sono nate discussioni sull'interpretazione della norma, ma ormai il dado e' tratto".
  Anche il ministro Meloni ha parlato di festa di tutti, "e non di una elite". Alla conferenza stampa hanno preso parte anche il presidente della Rai, Paolo Garimberti, il direttore di Raiuno, Mauro Mazza, il direttore di Radio1 Rai, Antonio Preziosi, il direttore arttistico del Festival, Gianmarco Mazzi, il sindaco di Sanremo, Maurizio Zoccarato, l'amministratore delegato di Rai Trade Carlo Nardello, il presidente della Lega A di calcio, Maurizio Beretta, e il direttore del Giro d'Italia, Angelo Zomegnan, il quale ha consegnato due maglie rosa -senza numero, ovviamente- ai due ministri.

(AGI) Vic

Io a dir la verità mi vergogno davvero di questa Italia che non riesce nemmeno a decidere una cosa così semplice come una festa.
Non c’è nè capo (sigh!) nè coda ma la mercegaglia e la lega. E di ‘gnazzzio che quando c’è da scalciare i giornalisti si trasforma in asino, ma quando c’è da presenziare parla di conciliazione, che c’ha paura che lo fischiano.
Siamo nelle mani de ‘sta gente: una che si ricorda di essere italiana soltanto quando può spillare un pò di soldi dallo stato per i suoi imprenditori che i soldi non li investono in italia, ma li portano all’estero o si mettono a giocare in borsa… gli altri che con il tricolore ci si volevano pulire il culo.
Stendiamo un velo pietoso.

h1

I sogni delle donne

16 febbraio 2011

elisabetta-canalis-e-belen-rodriguez-in-abito-lungo
Ieri sera in TV ho vistò Ballarò.
Mi rifiuto di far parte della maggioranza che si stravolge per Sanremo.
Le solite polemiche, le solite trovate per fare un pò di scandalo, che serve alla pubblicità. Sennò chi se li compra gli spazi telivisivi…
Però oggi sono subito andata a vedere come erano vestite le ragazze.
Perchè gli abiti che le donne indossano su quel palco sono, (da sempre), uno dei sogni delle donne.
Lo ammetto: questi vestiti firmatissimi dal made in Italy io li adoro.
Potrei tirar fuori la scusa che richiamavano i colori della mia squadra del cuore…
Oppure che faccio la sarta e li guardo per avere uno spunto.
No.
Confesso.
Mi piacerebbe poter indossare certi abiti meravigliosi.
Non ho i soldi per potermi concedere un Valentino o un Versace (mi piace meno); non ho il fisico che una tg.40 è solo da dieta ferrea continua, (a mi piace vivere); e non ne ho l'occasione. L'ho avuta in passato, ma a lungo andare poi queste feste ingessate annoiano e ci ho rinunciato.
Comunque loro due (mi sono antipaticissime), erano bellissime. Anche per merito degli abiti.
Non saprei quale scegliere dei due.
Il blu Dior mi intriga molto, ma come si fa a rinunciare a un rosso così…

h1

come un mazzo di fiori

14 febbraio 2011

Io non c’ero ma c’ero, almeno col cuore.
Le ho invidiate tanto.

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.