Archive for luglio 2009

h1

Respirare

28 luglio 2009

Appoggiato su questo vento

che è girato

di scirocco e di suoni africani

mi lascio scivolare

le braccia a volo e gli occhi chiusi

senza chiedermi dove andrò

a posare.

Voglio piume leggere

e lasciarmi planare senza rumore

                                                                            su domani

h1

Attraversare tutto il mare

12 luglio 2009

Attraversare tutto il mare

cercare porti naturali

che offrano quiete

dopo tanto vento.

Andare con l’ansia

dell’inadeguatezza

issando vele di nostalgia

fuggire dalla turbinosa calma

dallo schianto del dubbio

dal freno della mente.

Perdersi

Nessuna rotta tracciata

Nessun faro e neanche una stella.

Tornare sempre qui

A naufragare tra le mie braccia

e insieme guardare il mare

che non volemmo più.

h1

COUS COUS

2 luglio 2009

cous-cousHo passato tutto un pomeriggio a guardare un film arabo/francese. Ambientato a Marsiglia. Mica un filmetto da 90′, macchè: 243′ di un mondo che cerchiamo di far finta che non esista. Quello degli stranieri che scelgono di lasciare il loro paese per un futuro migliore. Almeno qui in Italia, cerchiamo di dimenticare che non è possibile fermare la speranza di migliorarsi, non è possibile fermare il cambiamento.  Oggi in Italia è passato il decreto per la "sicurezza", perchè qui noi accoglienza zero. Noi respingiamo.

Da queste parti, fanno un cous cous che è una goduria. Fa parte di una tradizione gastronomica importata dalla Tunisia. Ho avuto la fortuna di prepararlo insieme a una vera esperta. Così come nel film, preparare il cous cous, comporta la chiacchiera, la confidenza, le risate, il pettegolezzo, ma sopratutto tanto amore. Amore di chi lo fa per chi lo dovrà mangiare. E’ un ingrediente base della ricetta. L’amore. Non si può fare il cous cous se manca l’amore perchè viene una schifezza. E’ una frase che è ripetuta anche nel film. Che è una vera delizia. Come per fare il cous cous ci vogliono tanti ingredienti, il film è l’insieme dei sentimenti e delle vicende di una generazione che vuole il riscatto. Nella trama ad un certo punto sta per succedere un ’48 perchè manca l’ingrediente principale, il cous cous, la semola. C’è il meglio dei condimenti, dei sughi, ma manca il cous cous, che nemmeno una danza del ventre può supplire. Perchè In ogni chicco c’è il senso della vita, dell’amore, dell’accoglienza, verso l’altro. Ecco noi respingiamo gente che ci ha insegnato questo.

In Sardegna c’è un antico proverbio riferito alla semola, che lavorata con l’acqua e il sale, diventa cous cous, ma viene chiamata fregua: "Mamma cojammì cka sciu fai fregua". Viene detto in senso ironico.

Non basta saper fare la fregola per essere pronte a sposarsi, così come non basta fare una legge che respinge e imprigiona i clandestini per diventare un paese sicuro..

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.