h1

Homo sum, humani nihil a me alienum puto

25 giugno 2013

Nel fine settimana trascorso a Roma ho incontrato un nuovo tipo di homo .

Pranzo famigliare annuale e lui un invitato,  seduto vicino a me,  improvvisamente innescato da chissà  quale mia riflessione, ha cominciato a raccontare il suo passatempo preferito. Io l’ho ascoltato all’inizio incredula, credendo mi stesse prendendo in giro, ma avuta conferma dalla consorte, mi sono ritrovata a stupirmi, e più continuava il suo orgoglioso narrare e più spalancavo la bocca dalla sorpresa,  incantata come una bambina a cui raccontano favole meravigliose.  Lui vive a Roma,  è l’abitante “nuovo”, (romano da mille generazioni) di una megalopoli impazzita dove ha  riscoperto luoghi e frutti diversi (non è una metafora, proprio frutti frutti) raccogliendo qui e lì, nelle ville di Roma, lungo il Tevere, nelle zone dimenticate dagli sguardi frettolosi , frutti succosi della mia infanzia e piante dimenticate nelle parole delle nonne.

Dunque Giancarlo, così si chiama questa sorpresa d’uomo, quasi tutti i giorni, parte dalla Magliana (per chi non è di Roma preciso che non è proprio una zona d’elite) con la sua bicicletta modificata e adattata di cestino e si fa sui 35 km al giorno per andare a raccogliere ciò che Roma offre. A Villa Celimontana, per esempio prende un frutto tropicale che si chiama feijoa… polpa morbida e succosa (“ma le marmellate non si possono fare co questi” avverte). Secondo la stagione passa da Villa Celimontana a Villa Pamphili per i gelsi, (“ce stanno quelli bianchi e pure quelli neri…  me porto una cassetta der gelato, che senno se sfragneno tutti”). Passando da Via de Grotta Perfetta arriva fino all’Appia Antica per raccogliere i fiori e le foglie di borragine (“che so’ meijo dei fiori de zucca eh! Co’le alici e la mozzarella”. O la cicoria, la malva.

In inverno invece al Pincio ci sono i cachi… proprio i cachi. (“Li raccolgo maturi, ma pure quelli verdi che basta metteli vicino alle mele…”), Su al Gianicolo ci sono i capperi. In via di Vigna Murata adesso ci sono le susine, dolci, piccole e dolci.

 “Giarda che poi lì nelle ville nun c’è l’inquinamento, lì le macchine nun ce passano. E pure lungo il Tevere, sotto, dove hanno fatto il pedonale… Scendo a Ponte Marconi e vado avanti fino a dove so’ nato… a Trastevere”.

Ho riscoperto la mia città attraverso gli occhi di chi sa guardare oltre il visibile ai più.

“So sempre tutti de corsa…”

 Giancarlo invece ogni giorno con la sua bicicletta, scruta alberi e prati, segue l’evolversi delle stagioni e attende che la natura sia pronta. Come facevano gli uomini di mille anni fa… duemila anni fa… tremila anni… e…  

Poi sono stata anche al Maxxi .. 

   clip_image002

Annunci
h1

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

19 giugno 2013

h1

e poi ci sono gli adempimenti

6 giugno 2013

scuola

Sono gli ultimi giorni di scuola. Nel senso che da lunedì non avrò più lezioni né da preparare né da spiegare.

Non guarderò più quegli occhi vacui  di adolescenti persi nei loro pensieri. Non dovrò più inventarmi stranezze per far loro amare Dante e Ungaretti. Non dovrò mordermi la lingua davanti ai loro ciuffi colorati alla Naingoolan o ai loro pantacollant  senza pudore.

Mi mancherà questo tempo di comunicazione, di domande e risposte e di risate e di condivisione e di arrabbiature e di affetto. Se ne vanno e so che negli anni a venire incontrandomi si fermeranno, e non li riconoscerò e andrò a cercare i loro nomi nelle tasche della memoria, e tutte le volte mi sentiro più vecchia…

Da lunedì mi rimane da sorridere agli sguardi della collega che invidia i miei tacchi; da evitare la cafona che mette zizzania, il collega stressato perché la fidanzata l’ha lasciato, la pettegola che riferisce i fatti degli altri. Prenderò un caffè con la collega giovane e simpatica,  la precaria piena di voglia di fare, la timida che evita di parlare e  che invece mi guarderà e starà ad ascoltare anche le mie rimostranze per il malfunzionamento di tutto.

Non c’è niente che funziona nella mia scuola. No i PC, no la LIM, no la biblioteca, no no no….

Le funzioni strumentali non hanno funzionato, ma i soldi se li spartiranno ugualmente come si spartiranno i pochi fondi….per lo straordinario…

E poi carte, carte, scartoffie, relazioni, programmi di disciplina, di laboratorio, consigli di classe , scrutini, numeri numeri numeri… riunioni, calendario d’esame, Invalsi ….

Per valutare un ragazzo un numero, una crocetta,  un voto.

Anche quest’anno la scuola è finita. A parte ciò che c’è intorno e a contorno, faccio un lavoro davvero bellissimo.

h1

Ciò che sognavo e che non realizzerò più

27 maggio 2013

Quando ero ragazzina sognavo di fare l’hostess e girare il mondo. Mi vedevo con la divisa dell’Alitalia parlare  cinque sei lingue, scendere all’aeroporto con il trolley e sposare un comandante d’aereo. Un attacco artistico da liceo mi vedeva prima grande artista che vendeva i suoi quadri a milioni (allora milioni di lire ), poi scrittrice e poetessa alla Emily Dickinson tanto da vincere il Nobel…

Poi mi sono sposata giovanissima, e…. sono cominciate le rinunce.

Che rinunciare poi è scegliere. Scegli di passare per una porta e si chiudono le altre.

Sposarsi vuol dire rinunciare a spendere fino all’ultimo centesimo per un paio di scarpe, per esempio. Ma come diceva mia nonna… non si può avere la botte piena e la moglie ‘mbriaca .

Poi ho scelto di diventare madre. E per tanti anni la mattina non ho più dormito fino alle dieci la domenica.

Ora dopo tanti anni sono consapevole che:

1) non farò la hostess e nemmeno la pittrice (forse la scrittrice…)

2) non avrò mai un figlio maschio, ma spero che mia figlia prima o poi la smetta di cambiare ragazzo e mi porti a casa il figlio che ho desiderato

3)non andrò nel Chiapas a cucinare per il SubComandante Marcos

4) non aprirò mai una enoteca/ristorante con cucina sarda/romana con dieci tavoli e le tovaglie a quadretti

5)non mi candiderò mai alle elezioni politiche/amministrative/sindacali

6) Non avrò mai la tg. 42

7) Non avrò mai una macchina decappottabile. Questione di cervicale.

L’importante è essere consapevole delle rinunce ed accettare la propria vita. E non avrò mai rimpianti.

h1

potrei essere ….

20 maggio 2013
h1

Aurora boreale

8 maggio 2013

Con il cuore sono rimasta lassù. A Rovaniemi c’è una magia che si posa sulla pelle e non se ne va più.

h1

Ghiacciata

21 aprile 2013

lapponia 300

La luce e i colori della Lapponia in confronto con l’inferno di questo caos politico.

 

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.