h1

Social Network

20 maggio 2012

Oggi su Repubblica la pagina centrale era dedicata ai social network. Due pagine che tra l’altro riportano una frase di un antropologo certo Robin Durban che studiando gli umani afferma che siamo in grado di mantenere relazioni sociali stabili con un numero limite di centocinquanta. Proprio nel giorno in cui FB arriva in borsa, gli studiosi dei nostri comportamenti, ci dicono che questo vorticoso giro di parole, immagini, video etc. non è altro che un passaparola, con poche riflessioni che non siano: mi piace o non mi piace.

Insomma la teoria dice che come in una figura formata da cerchi concentrici, dei centocinquanta che ci circondano e con cui abbiamo relazioni stabili, 15 sono i fidati e cinque proprio gli amici amici.

Ora non vorrei dire che gli studiosi studiano l’ovvio.. ma che i loro studi dovrebbe servire a modificare la realtà, invece quasi sempre arrivano tardi perchè,

ci sono persone che:

– non si sono mai iscritte a FB

– se hanno un blog , su cui potrebbe interragire il mondo, (in teoria), finiscono per avere un rapporto sempre con gli stessi blogger: quasi sempre  per condividere e non per litigare.

– non per questo si iscrivono a Path (che sarebbe una specie di FB ristretto), o si privatizzano in Pair.

– persone che hanno scelto di ritrovarsi in un blog chiuso (o aperto a poche persone).

Senza che questo fosse una moda… o essere snob. Ma soltanto perchè i  rapporti veri ( e sinceri) si stabiliscono  soltanto tra pochi.

Tutto il resto è NON volersi impegnare in qualcosa che non sia leggero e superficiale.

Per questo apprezzo molto che nell’orrore e la tragedia che ha colpito una famiglia, una città, una regione pugliese, un intera nazione, il mondo, gli uomini e le donne di questo universo, non si siano limitate a postare su FB le solite ovvietà, ma si siano alzate dalle sedie, e dagli impegni, e siano scesi in strada per manifestare un’appartenenza, un pensiero, anche un paura. Insieme a sconosciuti ma partecipando veramente.

Siamo ancora umani.

Restiamo umani. ( in onore e memoria di Vittorio Arrigoni)

8 commenti

  1. 150 mi sembra un numero eccessivo, anche per il mondo virtuale, anche frequentando un circolo con mille iscritti, poi ci si raduna sempre in cinque o sei


    • io sono d’accordo con te, infatti sei uno dei pochi che vado a trovare (quando ho tempo). 🙂
      ma vallo a dire a sto studioso… che sti sociologhi devono esse quelli che spiegano il mondo a Morgan Stanley


  2. resistiamo umani


  3. Sì sì, l’ho sentita pure io questa cosa dei 150 ma per carità, avere 150 nomi nella lista amici non vuol dire avere 150 amici..
    Gli scienziati se ne escono sempre con cose che noi che giriamo internet sappiamo già. E per fortuna non tutti usano fb e molti ancora hanno amici veri da frequentare. Notavo giusto l’altro giorno, come la gioventù sia cambiata con questi social network e altri mezzi di comunicazione. Mio figlio a volte il pomeriggio esce e a volte rimane in casa a fare i compiti con gli amici via chat. Studiano, è bello lo sento col microfono che aiuta gli amici e chiede cose, e poi parlano di un sacco di cose o giocano allo stesso gioco online. E’ un nuovo modo di gestire le amicizie, ma alla fine, su facebook, che caz te ne fai di duecento amici che manco conosci? Infatti mio figlio si è cancellato e l’ha rifatto nuovo nuovo il suo, perchè aveva accettato troppe amicizie che manco si ricordava chi fossero, ha detto, si tiene i suoi pochi veri e basta… Non sono tanto stupidi o fissati come vogliono dipingerli. Vero che ci sono le mode, guarda in televisione, spesso usano il verbo “twittare” per esempio, che io trovo mostruoso perchè una volta erano gli uccellini a twittare (twitt vuol dire cip cip) ancora non tutti “twittano” e chi non sa cosa voglia dire non è ignorante, è una persona normale! Mo’ ci mancava la moda del “Twit”.. già ne faccio troppe di cose su internet, e chat e giochi, e facebook e blog, mannaggiammè..


    • Didi beata te che hai un figlio che fa i compiti con FB. Alla mia ragazza FB serve per “distrarsi”, che è un modo elegante per dire che scambia cazzate varie con i conoscenti e si fa i fatti degli altri…
      Che io non lo capisco proprio FB. Cioè non capisco questa cosa della competizione (“quanti amici hai su FB?”) dei numeri che ora si è spostata anche su twitter… “quanti follower?”
      Speriamo che sta cosa numerica stia per passare di testa a tutti, perchè a noi c’ha rovinato il ventennio…


  4. E’ un po’ come quando vai a farti la pizza o vai ad un matrimonio e sei seduto in quelle tavolate lunghissime da venti-trenta persone e, alla fine, parli solo con il tuo vicino di posto.

    Frà, ho trovato, invece, meno ovvio quello studio fatto recentemente che metteva a confronto twitter, blog e facebook ed sms. Dai risultati è emerso che sui social network siamo più falsi che negli sms, perchè con il cell il rapporto è più diretto, mentre nei social network è più mediato ed è maggiore la dote di finzione ed il rapporto tra te e gli altri più spersonalizzato con semi-sconosciuti della Rete.


    • mi hai fatto pensare al mio bisogno di “sentire” sia pure con la voce.
      Ma a volte nemmeno quello mi basta!
      Il mio commento al tuo è il nuovo post, che pubblico oggi…
      Scritta tempo fà, è sempre valida: mi ci ritrovo in tutto… sbaciuk



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: