h1

Nilde

14 aprile 2012

 

 

Per la mia tesi sulle donne alla Costituente, ho avuto la fortuna di incontrarla. Mi rilasciò un’intervista nel suo studio a Montecitorio. Come ci sono riuscita ancora me lo chiedo, è che sono caparbia e non mollo mai, e lei, chissà, deve averlo percepito. Perchè lei era così: caparbia e non mollava mai.

Ero emozionata così tanto che nel corridoio in cui dovevo aspettarla, andavo avanti e indietro come un animaletto impaurito, intimidita anche dai busti dei “padri della patria”. Ricordo un bellissimo Garibaldi.

La vidi comparire da una grande vetrata, accompagnata da un commesso donna che la sorreggeva sotto un braccio. Lei piccola e fragile come non me l’aspettavo, elegantissima, in nero con una splendida spilla come unico ornamento, gli occhi vigili e attenti, allegri, i suoi capelli argentati raccolti nella sua inconfondibile pettinatura.

Nel suo grande ufficio da ex presidente della Camera parlammo per un’ora. Ho la registrazione dell’ incontro. E due foto, che ci fece una delle sue segretarie, che lei chiamo al telefono dopo la mia sfacciata richiesta di avere un ricordo. Si ho una foto con Nilde Iotti e l’ho incorniciata e appesa e ogni tanto me la guardo e sorrido orgogliosa di me. Di quell’incontro conservo pensieri ed emozioni che mi hanno aiutato tutte le volte che come donna dovevo superare un problema, un ostacolo, una difficoltà. Le sue risposte alle mie scontate domande sono state sempre precise e interessanti, da grande politico ma sopratutto di donna.

Forse è proprio questo che ha confermato in me la stima per lei. La stimavo per i suoi interventi durante la Costituente, per essere stata coraggiosa quando da sola si trovò contro, non solo il PCI bacchettone e severo, ma tutta la base comunista, intransigente e arrabbiata. Mi raccontò che nella prima campagna elettorale dopo che si seppe della sua unione con il Migliore,(non c’era il divorzio e per un pò cercarono di nascondere)  a Reggio Emilia, la sua terra, la sezione in cui doveva parlare, era turbolenta “sembrava una pentola di fagioli” mi disse. Tutti borbottavano e non applaudirono quando finì di parlare. Sola contro tutti e per amore.

“Quando è morto Togliatti, per me è stato come se si fosse spento il sole, ho continuato a vivere, ma niente è stato come prima.”  

Ecco mi piace ricordarla così, donna fragile e innamorata, capace di andare controcorrente e sfidare un’ Italia bigotta e ipocrita. E’ stata la prima donna eletta a soli 26 anni. Con Togliatti si incontrarono la prima volta in un ascensore a Montecitorio. E stata la prima donna  Presidente della Camera, talmente in gamba che l’hanno riconfermata per tre volte. Mai nessun uomo ha avuto un tale riconoscimento. Perchè lei era una in gamba davvero, giusta, equilibrata, capace di mettersi contro il suo partito se questo voleva dire rispettare l”opposizione.

Quel giorno, alla fine dell’intervista, mi chiese se avessi bambini e quando gli raccontai di mia figlia e che voleva fare l’atronauta, ridemmo insieme: “Come Valentina Tereskova”. Fu così che mi resi conto che era ancora, dentro, una donna nata da una cultura, egualitaria, innovativa, paritaria, “comunista”.

Solo una cretina deficiente, che non conosce la storia, e che cerca di fare polveroni per stare al centro dell’attenzione, può averla paragonata ad un’altra zoccola che si fa pagare per stare zitta.. Non voglio nemmeno scriverlo il suo nome che è darle quello spazio che cerca.

Siamo stanche noi donne di dover sopportare queste troie che si sono fatte largo nel mondo dandola a qualcuno che “comandava e fotteva” non solo loro, ma tutti gli italiani.

Stanche di questi giornalisti che rimbalzano le polemiche in modo che si parli delle loro trasmissioni, senza diritto di replica.

E siamo stanche che nessuno vieti l’ingresso alla Camera dei Deputati di queste troie.

Abbiamo bisogno di Leonildi. O di memoria di donne meravigliose come lei.

Annunci

4 commenti

  1. Uh, ma che bella stà storia, Frà! La tua tesi di laurea con la grande Nilde Jotti! Ma che culooo!!! Grandeee Frààà!!! E poi dicono che ci sono sempre delle grandi donne dietro ai grandi uomini. Con Togliatti sarà stato sicuramente così. Ma ti rendi conto che quelli della Costituente hanno scritto una carta nel 1948, subito dopo la seconda grande guerra, subito dopo aver visto e vissuto anni orribili di fascismo e guerra, e quel pezzo di carta è ancora vivo oggi? Nonostante i vari tentativi dei berlusconiani e dei leghisti di farla a pezzi e stracciarla. Altri uomini, tanti uomini hanno scritto migliaia (milioni?) di leggi dopo e tutte devono confrontarsi con i principi-base di democrazia e libertà contenuti in quella carta. E non sempre reggono il confronto.

    E’ vero, a guardarsi in giro oggi, che tristezza pensare a quanto è scaduto e sceso in basso il panorama attuale della nostra classe dirigente parlamentare. Sarà per questo che ora le donne si sono allontanate dalla vita politica. E’ scaduto anche il mondo del lavoro se è per quello. Una volta vidi arrivare in ufficio un curriculum con allegata una foto in costume della candidata che scriveva in calce ed in grasseto che era “disposta a tutto” per trovare lavoro… Capisco il bisogno, ma non capisco questo prostituirsi. Il berlusconismo, tra i tanti danni che ha fatto al nostro Paese, ha scardinato anche le basi della democrazia, ha svalutato l’importanza dello studio, del sacrificio e della meritocrazia, ha fatto credere agli italiani che basta un bel culo e delle belle tette (e la disponibilità a concedersi) per andare avanti… Maledizione, ci riprenderemo maiun giorno? Usciremo mai fuori da questo incubo? Torneranno a nascere delle Nilde e dei Nildi in questa Italia del caz?


    • Bar avevo scritto una risposta lunghissima che poi… pooof è sparita.
      Adesso sono incazzata e stanca…
      Vabbè…


  2. ero piccolo ma io me la ricordo Nilde Iotti.
    Non ne sapevo molto ma sapevo stava dalla parte dei buoni.

    (quello che ha detto quella tizia là non andava nemmeno riportato dai giornali. Ha la stessa valenza di me che mi mettessi a dire ” mio nonno è un criminale ! perchè ,come Hitler, ha i baffi”


  3. ne abbiamo necessità assoluta !



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: