h1

Gocce di felicità

3 marzo 2012

Stamani mi son svegliata presto presto, anche se era il mio giorno di riposo, e sono andata alla sede dell’Avis per una donazione di un pò del mio sangue. E’ una di quelle cose che mi fanno star bene, che mi rendono allegra, che mi fanno sentire parte dell’universo mondo. Le mie vene sono piccole e fragili, quindi tutte le volte ci sono problemi, e finiscono per bucarmi tutte e due le braccia, con grande cruccio e dispiacere dei medici che tutte le volte si profondono in scuse. Oggi mi sono capitati due medici “strani” e una infermiera altrettanto particolare. Uno dei due medici: grassoccio, con spesse lenti e riporto sulla fronte dei lunghi capelli sale e pepe, scherzoso e affettuoso, mi ha dato subito del “tu”; l’altro serio e musone, pochi capelli e scarpe comode, mi ha visitato ruvidamente e mi ha messo il foglio malamente sotto il muso, “firmi qui!”; poi però quando le mie vene si rifiutavano di accettare l’ago, è diventato dolce e soccorrevole, quasi paterno. Lei, l’infermiera era slava, forse rumena. Capelli biondi con ricrescita nera, occhiaie profonde sul pallore del viso, seria e chiusa come un ostrica. Jeans Armani. Non ha mai sorriso, ma era molto professionale.

Sono uscita dall’ambulatorio felice e quasi saltellante. Mi prende così quando mi sento utile. Mi sono premiata con una lauta colazione al bar. In macchina ero indecisa se andare al mare che dalle mie parti oggi era primavera inoltrata, ma salita in macchina la radio trasmetteva questa notizia: Rossella Urru liberata! Quindi mi sono precipitata a casa per dirlo alla famiglia pensando che forse tutti gli appelli e i twitter gli sms le mail fatti (non solo dalla Sardegna) in questi giorni avevano smosso finalmente qualcosa. E mi sono sentita utile. Ora l’aspettiamo nell’isola per coccolarla un pò.

5 commenti

  1. Una volta, al Brotzu, dovevano farmi un prelievo e l’infermiera era una tirocinante. Definirla paradisiaca è poco, così pur di continuare a parlare e provarci con lei mi son ritrovato il braccio sinistro totalmente nero. Devo dire che ne è valsa la pena🙂


    • Tipo? Che poi è diventata la tua ragazza?! Naaa. Troppo romantico!


      • Esatto, fin troppo anche per me, son molto terra terra per queste cose eheheh però ho charme😉


  2. speriamo bene per rossella, nel senso che i soldi del riscatto siano arrivati ai suoi rapitori e non ai soliti sciacallii


    • Siamo qui sospesi ad aspettare che la vita delle persone non abbia prezzo.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: