h1

Appello ai politici di sinistra

23 agosto 2010

Invece che parlare di elezioni a novembre o marzo; invece che parlare di Costituzione violata o materiale; invece che di minoranza o di nuovi gruppi, di primarie o di leader, o di invitare o non invitare Cota, si potrebbe saper il vostro pensiero per esempio:

– su quello che sta succedendo dentro e fuori la Fiat;
– su Marchionne (e non sul suo golfino blu)
– sulla legge per cui la Mondadori dovrebbe pagare solo il 5% di quello che deve da vent'anni
– sui cassaintegrati dellla Vinylis
– sui precari che stanno facendo lo sciopero della fame a Palermo
– sui pensieri esternati dal vescovo di Viterbo a proposito dei gay
– su i rimpatri dei rom in Francia
– su i campi di ogm in Veneto
– sul prezzo del latte e la protesta dei pastori in Sardegna

e in ultimo sugli incapaci filippini che in mondo visione ridevano mentre le loro teste di legno (non è un errore), ci hanno inorridito per 40 minuti?

Non ne posso più….
distrategie del cavolo per non far incazzare i democristiani come Fioroni, (che se ne vadano con la Binetti e la smettano di rompere i gommoni), 
di sentir parlare di PIL e di percentuali.
di sentir commentare ciò che dice o che fa il PdC
di Vendola no
di Casini si
stiamo morendo di vacuità….
aspettando di sapere come sarebbe il nostro paese se ci foste voi a governare
please…

Advertisements

7 commenti

  1. E' l'imputridimento dello scenario complessivo della politica italiana. Problemi falsi che nascondono quelli veri. Lascio perdere quello che succede a destra. Non mi interessano nè Fini nè Casini e nè Rutelli. Tantomeno le reazioni dei lacchè del Berlusca. Vista l'incapacità della nostra Sinistra (avranno pure pochi mezzii di comunicazione e/o di informazione, ma me sa che dormono o si impantanano in chiacchiere inutili pure loro, per non parlare dei tentativi di alleanze con i fuoriusciti del PdL), io mi aspetto e mi auguro che questa crisi peggiori e crei masse di rivoltosi incazzati. Sia pure la guerra civile. Chi non ha più nulla da perdere imbraccia davvero la zappa o il fucile e scende in piazza (non come Bossi che di fucilate ne vorrebbe pure lui). Solo allora nel Palazzo si renderanno conto che la situazione gli è sfuggita di mano.


  2. Ciao Bar,bello vederti!Come non essere d'accordo con te!?Non è una questione di mezzi di comunicazione, è una questione che i nostri politici hanno perso il contatto con "la verità", quella fatta di "lacrime e sangue" oltre che di felicità.Ma anche noi… noi che accettiamo tutto: il SUV in terza fila e la busta di spazzatura lasciata sulla spiaggia, noi che cerchiamo l'accozzo o che (non t'arrabbià…) le ore di permesso sindacale anche se non c'è nessuna riunione….Noi tutti noi che "teniamo famiglia…" ora contro chi la facciamo la "rivoluzione"?


  3. io non ce le ho le ore di permesso sindacale (peraltro, se le avessi, non le "ruberei" per cazzi miei personali, come fanno – con molto opportunismo personale – alcuni sindacalisti che conosco, mi prenderei le mie ore/giorni di ferie, semmai). Gli unici permessi sindacali che ho avuto/perso sono stati quelli quando mi hanno convocato per i direttivi (ho i testimoni!)…per il resto, sono d'accordo su tutto con te, Frà. Come sempre.


  4. Bar quando dico noi, non mi riferisco a qualche persona in particolare, e meno che mai a te, ci mancherebbe altro Dico noi, perchè credo nella "società", nell'uomo sociale, in quello che si sente partecipe e sodale.In questo periodo è facile girare la faccia dall'altra parte (chimelofafà), quando un diritto o una regola viene violata, senza pensare che tutto ci ricadrà addosso. Non fosse per altro che quando poi troviamo la strada bloccata non possiamo nemmeno dire "ma…", se non abbiamo a suo tempo denunciato ad alta voce il propietario del SUV terzoparchista, o abbiamo giustificato "ma un attimo per prendere il prezzemolo per la zuppa…".Bar caro faccio esempio del cavolo ma basta guardare verso Melfi, per rendersi conto che tutto sta crollando, anche perchè il sindacato non ha fatto il proprio dovere a suo tempo.Quando dico sindacato so che tocco un nervo scoperto, (credo tu sia un sindacalista ma veramente non so…) ma lungi da me affermare che tu sia un sindacalista qualunquista… o che difendi i sindacalisti quaquaraquà..Nella mia scuola le single sindacali indicono riunioni, tutti (quasi tutti), fanno domanda di partecipazione, ma partecipano solo alla spesa al supermercato… ( una volta mi è stato chiesto esplicitamente di chiedere di partecipare alla riunione per una questione di tempi relativi ai trasporti e alla pulizia delle aule…).Oggi il Sergio nazionale  (Marchionne il barbagionne), parlava di passione del lavoro…Chi glielo dice che parlare di passione pensando allo scandalo Gelmini e le scuole private fa ammosciare anche chi si è fatto di didatviagracils….C'era un bel pezzo oggi su Repubblica (che so che leggi) di Baricco: tra 16anni scivoleremo sulle cose e non riusciremo più ad approfondire una beata fava….Un abbraccio


  5. Non riesco a postare sul tuo necrologio…e per questo che ti ho pvtizzato……ciao


  6. Il più delle volte mi trovo in disaccordo con le scelte che il sindacato. Parlo della CGIL (Uil e Cisl, ormai, sono filopadronali e filogovernativi, quindi, manco li penso, anzi considero questa ossessione dell’unità sindacale un vero suicidio per la CGIL). Sono ipercritico e più estremista. O, forse, sono solo meno tattico. Alla fine, ti accorgi che in ogni decisione sindacale,  le scelte diventano “politiche”. Nel senso di “opportunismo politico”.  Anche per tornaconti personali (salvare la carica di dirigente sindacale, ad esempio). Oppure per fifa ed evitare lo scontro (indire uno sciopero, vuol dire contarsi e se le adesioni sono scarse e lo sciopero fa flop, è finita, ti fanno a pezzi da entrambe le parti e si torna al discorso della “poltrona” di cui sopra). Ormai, siamo arrivati e finiti nelle secche dei miracoli. Quando gli operai licenziati scrivono una lettera, appellandosi al Presidente della Repubblica, vuol dire che il Sindacato è già bello che morto.


  7. Per il mio blog, ho inibito i commenti anonimi. Ma se sei loggata su Splinder, dovrebbe andare… fammi sapere…magari, invece di usare "Internet Explorer", prova ad usare "Mozilla – Firefox" che è anche più sicuro. Ciao, Frà!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: