h1

simboli

8 novembre 2009

crocifissoForse perchè ci sono cresciuta, con questa immagine, forse perchè non mi sono mai soffermata sul perchè ad un certo punto i cristiani scelsero questo di simbolo dopo il pesce, e…
ma insomma non ho mai pensato a questa immagine come la rappresentazione di un cadavere.
Certo che è il simbolo del senso di colpa che ha pervaso la vita di intere generazione di fedeli. E non.
C’è chi ha brandito questo pezzo di legno come una clava, chi ne ha fatto opera di compassione.
Com passione.

I simboli sono importanti ma…
non non bisognerebbe imporli a nessuno.

5 commenti

  1. Io non sono cattolico eppure riconosco a Gesù un valore importante nella mia formazione…
    Anche il corano ne riconosce la grandezza…
    Non vedo come possa turbare le coscienze un grande Maestro di vita…


  2. Particolasrmente per rispetto al Cristo….ormai tutto è moda e farsa, di limpido ec’è poco. Un abbraccio, Carla


  3. A me piace ricordare le parole della Ginzburg, e non solo quelle della parte finale dell’articolo che nei giorni scorsi è stato più volte citato. Leggiamolo tutto. LaGinzburg scrive:

    Ogni imposizione delle autorità è orrenda, per quanto riguarda il crocefisso sulle pareti. Non può essere obbligatorio appenderlo. Però secondo me non può nemmeno essere obbligatorio toglierlo. Un insegnante deve poterlo appendere, se lo vuole, e toglierlo se non vuole. Dovrebbe essere una libera scelta.

    E questa è anche la mia posizione.


  4. vivi e lascia vivere 


  5. Ciao Fra,
    personalmente mi sono sempre ritenuta un’atea convinta. Fin dai tempi in cui venivo costretta a frequentare corsi di catechismo insulsi per poter ricevere dei sacramenti ancora più insulsi.
    Sono cresciuta in aule scolastiche in cui il crocefisso era sempre presente e dove la maestra, con mio grande disappunto, ci faceva fare la preghiera all’inizio e alla fine delle lezioni…
    Sai molto bene che personalmente con chiese e balle varie non voglio avere nulla a che fare e il fatto che mi debbano essere imposte delle regole, anche se ho deciso di non far più parte della loro combriccola, mi infastidisce notevolmente. Sopratutto nel momento in cui pensano di poter influenzare leggi che dovrebbero necessariamente rimanere lontano dalla loro competenza.
    Il crocefisso, ahimè, fa parte della loro infamia, ma non ho mai desiderato venisse tolto dalle aule scolastiche.
    In fondo quello che odio è il loro desiderio di non permetterti di scegliere, di non vedere alternative, non il crocefisso in se stesso.
    In questo mi vedo d’accordo con latendarossa e con la frase che ha riportato.
    Non è il simbolo che deve cambiare.
    Ma le persone che con arroganza pretendono di rappresentarlo.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: