h1

Non è Oloferne

4 marzo 2009

JG89~Giuditta-PostersE’ l’anticipazione della fine di un ministro di questo governo che vuole mandare le donne in pensione a sessantacinque (dico sessantacinque) anni.

Poi dici che a una gli vengono i nervi e si vendica.

Poi gli uomini dicono che le donne sono castranti.

E ci credo! Questo "onorevole" capisce del lavoro delle donne come capisce di economia.

E’ lui, i capelli sono gli stessi, che lui cucciolo, è sempre spettinato come se si fosse alzato in quel momento dal riposino. Questo Nobel mancato, che non ha una idea nemmeno se gliela trapiantano, si nasconde dietro l’Europa, perchè lo sa che ha detto, proposto, discusso, di una cazzata.

Giuditte di tutto il mondo uniamoci.

Advertisements

10 commenti

  1. avrei lo slogan

    “Più lavoro MenoPausa!”
    eh?


  2. Sono con te, con voi!
    Io rispolvererei lo sciopero del sesso messo in piedi, nella Lisistrata di Aristofane: le donne greche, per costringere i loro uomini a porre fine alla guerra del Peloponneso smisero di… va beh, sta di fatto che quello sciopero ebbe un clamoroso successo, chissà come mai (tanto a me che me frega, non mi cambierebbe nulla) ^___^


  3. Allego il seguente referto:


  4. Stanno cercando di raccattare soldi a destra e a manca. Perchè ormai, raschiando il fondo del barile hanno corroso il metallo e iniziato a scavarsi la tomba…
    Il problema è che alla fine, con una sistema “a conto zero” come quello delle pensioni, dove i contributi dei “nuovi” lavoratori vanno a costituire la pensione dei “vecchi” e neo pensionati, non hanno quello spazio “salvagente” per poter dire che le cose vanno bene come stanno…
    Considerando che di nuovi posti di lavoro non se ne parla da anni e della crisi finanziaria in cui ci stiamo catapultando…bè, direi che abbiamo davanti un futuro davvero “roseo”…
    -.-“


  5. Saro Giuditta eccome…sto qui non lo digerisco.

    Sulla pensione a 65 anni…sarei anche in accordo. Ma per tutte non solo per noi! Tolto le lavoratrici che svolgono lavori usuranti, non vedo perchè noi, solo perchè donne, dovremmo lavorare meno anni. Te lo dice una quasi 65enne (prossimo maggio),la quale avrebbe lavorato volentieri fino a quell’età. Vi andai a 61 per motivi di famiglia e con pensione di vecchiaia, sistema misto!

    Non mi fermo mai sulla “fisicità” della gente…ma questo qui mi ci tira per i capelli!
    Brut mus,nanet unt!
    Ciao Frà.


  6. ok va bene tutto
    anzi non va bene niente

    e mi chiedo

    come mai
    come mai ogni volta che si è chiamati alle urne
    questa congrega di nanerottoli
    dalla statura non solo fisica ma anche politica irrisoria
    come mai i nanerottoli si prendono il 65per cento dei voti?…ovunque e comunque

    forse perchè da altre parti non si fa altro che piangersi e parlarsi addosso
    senza avanzare nessuna proposta concreta alternativa?

    sarà per questo che ultimamente la “controparte” raccatta su solamente sonorissime sconfitte non esercitando più nessuna attrattiva sull’elettorato

    forse più che guardare le magagne in casa d’altri
    sarebbe il caso di ripulire la monnnezza
    e l’inadeguatezza che regna sovrana in casa propria

    se esiste una casa propria

    che non ne sono poi tanto sicuro

    che esista intendo

    ma questa è un’altra storia

    una brutta storia

    fra l’altro

    p.s. se l’opposizione viene rappresentata da beppe grillo e da luttazzi e da benigni e da travaglio e da di pietro significa che stiamo proprio alla canna del gas

    ahimè!
    ahinoi!
    ahitutti!


  7. @Buendia lo slogan è da medaglia ma chissà perchè a me è venuto da piangere.
    @Micky raccattare, è la parola giusta. Ma uno Stato che si rispetti come fa a parlare di numeri, e di anni? Senza tener conto della propria Storia, del suo stato sociale, del suo non essere in grado di pensare il futuro.
    @Carla ma chi vuole andare in pensione a 70anni che ci vada pure. Se è la vita che una sogna di avere, e si realizza nel lavoro…

    Io sono dell’idea che il lavoro è oltre che un diritto anche un dovere, e che ciascuno di noi deve dare il suo apporto,
    ma questo modo di pensare, dei sgovernanti dico, è vecchio!
    Non risolve nessun problema strutturale, e fa girare le scatole alle persone più deboli, che non usano la forza e sono sempre disposte a capire, ma le ingiustizie perpetrate sfacciatamente provocano le rivoluzioni. Ma se i pensionati e gli studenti si uniscono, non è soltanto un andare contro, ma forse è un non avere più pazienza. E davvero quando ci sono imbroglioni del genere, ci vogliono Giuditte coraggiose.
    @ scusa Gaggio, ma è una riflessione la tua che merita una risposta ovvia: gli italiani sono immaturi e non vogliono responsabilità.
    Quando c’è un padrone che dice ci penso io, loro si abbandonano alla credulità.

    Informarsi è faticoso, contrastare è pericoloso, impegnarsi è inutile, tanto vale votare i nanerottoli…

    Ti faccio l’esempio del Sulcis. Per decenni è stato un feudo della sinistra, (motivici storici), ma, prima delle elezioni regionali, l’unica fabbrica che da lavoro a centinaia di persone nel Sulcis dichiara la chiusura. E’ una fabbrica con capitale che viene dalla Russia, arriva lo sgovernante e dice che telefonerà a Putin, e tutti lì pronti a credergli… lIl Sulcis ha votato compatto a destra. Buggerru che è uno dei luoghi più belli del mondo, dove storicamente c’è stato il primo sciopero degli operai, ha votato a destra, che vorrebbe un centinaio di alberghi fino a capo pecora, per diventare ricchi e Soru invece ha fatto una legge che non permette che si tocchi un cespuglio lungo le coste.

    La gente è egoista, vuole tutto e subito, ma è anche presa alla gola, anzi presa alle balle. Perchè quando ti stritolano le balle non ragioni più.

    E se le piazze le riempiono i comici è perchè la gente non vuole impegnarsi mentalmente, (dopo un’ora e mezzo a guidare nel traffico, e poi al lavoro, e poi nei caos dei centri commerciali) la gente è stanca, e va in piazza se è sicura dello spettacolo. In più ci sono questi giornalisti, come li ha chiamati Mourinho che sono delle “prostitute intellettuali” e fanno illoro lavoro dicendo ciò che vuole il padrone che è amico dell’amico.

    Sono d’accordo con te nell’uso della ramazza.

    Perchè sono sicura che esista una casa in cui sentirsi a proprio agio.
    E’ da ristrutturare, e da modificare, da cambiare le regole di convivenza, ma c’è.


  8. … a parte che penso di non esserci più, a 65 anni. Ma certo è che, se trovo il modo, vado in pensione tra due giorni!


  9. Questo Nobel mancato, che non ha una idea nemmeno se gliela trapiantano
    ;-))

    temo che a 65 anni non avrò più la freschezza necessaria per insegnare ai bambini delle elementari, staremo a vedere

    baci


  10. Io ho pronta una cavagna di Aconitun Napellus che si raccoglie nei campi volendo. Il mancatonobel è anche basso, non ce ne vuole così tanto.
    Ditemi voi se devo agire oppure no.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: