h1

19 novembre 2008

A VOLTE RITORNANO

In questi giorni nella mia vita, sono riapparse, dopo tanti anni di silenzio, persone che non sentivo  da tempo. Succede nella vita, si cambia casa, città, lavoro, abitudini,  e ciò che faceva parte della nostra quotidianità, pian piano si stempera e si perde nei nostri andirivieni.

Ma qualcosa che ci univa a quella persona resta. Un legame che non oso definire amicizia. Questi sono conoscenti? Compagni di lavoro? Ecco si,  forse queste parole  sarebbero più appropriate per i rapporti di oggi. La parola amicizia assume, per me, un significato spirituale profondo, molto simile al sentimento dell’amore; ma se possibile, ancora più importante del sentimento che unisce anima e corpo due persone. L’amore è caratterizzato da un groviglio di contraddizioni, il cui filo, formante il gomitolo, è il “possesso”. Nella prima fase dell’amore, quella dell’innamoramento, si vuole l’esclusiva, il possesso della persona amata. Si cerca la solitudine della coppia, si esclude il resto del mondo. Nell’amicizia questo non può essere. L’amicizia è condivisione ma anche e sopratutto libertà. Nell’amicizia i difetti dell’altro, non fanno soffrire, si accettano perchè se ne può parlare apertamente, senza che succeda un finimondo di incomprensioni e frustrazioni.  Nell’amore si può mentire e si può venire perdonati; l’amicizia non ammette sotterfugi, bugie, mezze verità: se tradisci una volta un amico lo hai perso per sempre. Perchè l’amicizia è la libertà della sincerità. Perchè l’amicizia è leggera, non è passione. L’amicizia non è mai sacrificio, ma è semplice dono. Non chiede niente se non la condivisione di un ideale. L’amicizia non sopporta le chiacchiere a vuoto e nemmeno le esagerazioni. Gli amici sono uniti da ciò che è più difficile da realizzare, in un mondo complesso come il nostro, la semplicità. Forse l’amicizia oggi è più facile si realizzi sulla rete. Qui, se si vuole, non c’è non possesso, né menzogna; qui, se si vuole non c’è niente da ottenere, se non una visita e un pensiero. Qui c’è il dono della condivisione, la libertà della scelta.

In questa grandissima piazza c’è la possibilità di incontrare l’universo mondo. E come avviene nella vita materiale è possibile, e forse più facile, trovare un amico.

 

 

Colonna sonora Wish you were here, Pink Floyd

 

 

 

15 commenti

  1. Frà, sapessi quante volte ho testimoniato L’Amicizia nel modo in cui lo visioni tu, l’ho fatto anche sui blog. Perchè ci credo.
    L’Amicizia è Amore puro. Non conosce la gelosia perchè non vi è possesso. Il possesso al bando! Nel Profeta sta scritto che anche i nostri figli non ci appartengono. L’Amore la Passione tra due esseri viventi è un’altra cosa. Compara l’effetto della lontananza. Un paragone che faccio sempre. Due innamorati due persone che si amano si struggono per la lontananza per ciò che li divide. Manca quasi il respiro. L’Amica o l’Amico possono andare via anche molto lontano, nulla muta. Il ritrovarsi per caso o per volontà rappresenta un dono grandissimo. Poi si riparte. Gli Amici trovano sempre il modo di aiutarsi tra loro senza alcun calcolo. Ricordo come fosse ora l’incontro con Milvia, a Pistoia, dopo tanti anni. Una corsa un abbraccio lacrime silenziose. Credo anch’io, malgrado le delusionni, che anche in questo mondo virtuale si possa trovare Amicizia. Nascerà in un modo diverso, decanterà a lungo…però ci credo. Un abbraccio. Carla


  2. @Carla, la prova provata che girando per internet, poof! e trovi chi condivide con te pensieri. E’ il primo passo verso l’amicizia. Insomma è bello potersi confrontare con qualcuno che conosce Gibrain…e… cominciare da un punto in comune…


  3. Frà occhio ai plagi. Anche se nel nostro codice penale il reato di plagio non configura più…mai capito la cancellazione…esso rappresenta (per me) il male assoluto.

    L’Amicizia vera anche sul web arriva pian pianino. Credi a una “scema”. Ciao un abbraccio, Carla


  4. Per quanto mi riguarda, quello che ho sperimentato io dell’amicizia non è molto lusinghiero. Ma questo non mi impedisce di pensarla come te Fra. Ho solo fatto scelte sbagliate.🙂


  5. All’inizio pensavo, mentre leggevo, che nel commento avrei ribaltato il tuo pensiero: che cioè avrei scritto che l’amicizia accetta anche qualche bugia, l’amore – mai.
    Ma in effetti è come dici tu. Una bugia, o anche uno screzio “non risolto” possono incrinare un buon rapporto tra amici. Ad una persona che amiamo invece siamo disposti a perdonargliela (forse perché in qualche modo, perdoniamo anche noi stessi).


  6. @carlè… dici che c’è chi mente sulle piattaforme, che si presenta come non è? Credo non sia un problema. Chi si traveste diventando una persona diversa, sicuro di non essere scoperto, in effetti non è un “altro”. Qui “è” quello che vuolre comunicare. Se mi piace, o non mi piace ci “parlo”, non mi chiedo chi e cosa c’è dietro. Se mi facessi tutte ‘ste domande, questo strumento non avrebbe significato.
    @Micky, sapessi come so come è difficile trovare una persona di cui fidarsi e aprirsi. L’impotante è non arrendersi davanti ai nostri errori, e a quelli degli altri.
    @Tend? Di’, forse ti ho fatto arrabbiare, che eri tentato di confutare i miei pensieri? :-))
    Se c’è un motivo per mentire o tradire o sbagliare in amore, con un amico queste azioni diventano superflue. E’ per questo che la vita sembra leggera vicino ad un amico.


  7. Arrabbiato? Ma noo. Anzi, la bontà delle tue argomentazioni mi ha convinto, sul serio🙂


  8. Si e no! Son perplessa…


  9. Mi piace quello che hai scritto e lo condivido.
    Anche io credo moltissimo in questo sentimento, l’amicizia, che per me sta al primo posto.
    Per quanto mi riguarda io vedo, in un rapporto d’amicia, come altro pericolo, oltre alle menzogne, le aspettative deluse. Mi spiego. Se ci aspettiamo tantissimo da un amico, forse ci aspettiamo troppo rispetto a quello che l’amico/a può darci e , necessariamente, non arrivando quel che ci aspettiamo ci si sente feriti e delusi… e l’amicizia potrebbe, a questo punto, incrinarsi.
    Ma è una questione di maturità.

    ps: grazie per l’adesione. Poesia bellissima, davvero. Posso inserirla nel post del 29 novembre, vero? :))


  10. Dimenticavo, scusami🙂
    Se ti piace il logo e vuoi esporlo ti basta inviarmi una mail all’indirizzo che trovi in colonna, da me ed io ti invio il codice già pronto, solo da incollare.
    Grazie🙂


  11. @perla, l’amicizia non ha aspettative. Se si aspetta qualcosa da qualcuno, non c’è amicizia, anzi. Si ricade nel tragico gioco della materialità, nel do ut des. L’amicizia non si aspetta niente. Certo che puoi inserirla nella giornata del coraggio, sono contenta ti sia piaciuta. Come ha affermato Tend, coraggio è movimento. E’ andare ma anche saper tornare. Grazie del complimento. E… perla avevo già deciso di inserire il 29 il logo in un post. Ciao e grazie della visita.


  12. Mah io però non sono poi così convinto che l’amicizia sia quella cosa dalla quale non ci si aspetta nulla. Se così non fosse, non sarebbe possibile rimanere delusi da un amico. Diciamolo meglio: amicizia è dare qualcosa senza pretendere niente in cambio (“dare” in termini di calore, affetto, aiuto, comprensione, ecc.)


  13. Frà, da come avevi iniziato il post, sembrava che volessi parlare di conoscenti nelle vesti di araba fenice o di colleghi di lavoro ritrovati su Facebook. Sono d’accordo sul fatto che l’amicizia è diversa dall’amore, perché esclude quella componente di “possesso” e necessita della libertà dell’altro e dall’altro (anche se poi ci sono quelli gelosissimi dei propri amici). Non sono tanto d’accordo sul fatto che i “difetti dell’altro non facciano soffrire”, anche quando se ne riesce a parlare liberamente. La maggior parte degli amici che avevo li ho persi per piccoli tradimenti (alla fiducia, la mia), meschine offese, aperti sputtanamenti da gradassi di fronte a terzi. Forse erano “difetti” miei di eccessiva sensibilità o difetti dell’altro per mancanza di sensibilità. Forse non erano “veri” amici. Sta di fatto che quando mi accorgo che la mia fiducia è riposta male o viene apertamente tradita, la mia amicizia scema e muore. Ti assicuro che è talmente facile trovare “amici”, qui, sulla rete (che poi diventato “reali”, quando ci si incontra), quanto perderli (parlo per esperienza). Io sono consapevole del fatto di essere molto esigente in un rapporto di amicizia. Ma non nel senso che pretenda tempo, attenzioni, blandizie o piaggerie dall’altro/a (niente “do ut des”, non è quello che mi interessa). Ho lasciato perdere molte relazioni che erano fatte solo di convenienze e opportunismi (la pizzata il sabato sera, le telefonatine per chiedere un favore, l’indifferenza nei momenti in cui non stai benissimo di umore ed hai bisogno di qualcuno con cui parlare, ecc.). E’ facile fingere di essere amici. Ed è altrettanto facile smascherarne le finzioni. A volte, pensi che quello che crea il gruppo di amici è la prestazione da branco. Il fatto di sentirsi protetti da altri, con i quali si condivide poco o nulla o solo la goliardia. Insomma, non è nemmeno originale dire : “pochi ma buoni”. Diventa difficile e pesante sostenere. “nessuno se non buoni”.

    PS TECNICO: frà, succede una cosa strana quando clicco sui commenti al tuo blog dai “preferiti”. E’ come se il post e i commenti si duplicassero…Cioè, ce ne sono due (di post uguali e di commenti uguali), uno sotto e uno sopra…

    :S


  14. @tend non riesco a cogliere la differenza tra dare senza ricevere, e aspettativa. Secondo il mio parere un amico quando è un vero amico lo si sceglie con tutti i pregi e difetti. Se è un amico, la fiducia e il rispetto, la sincerità, non sono aspettati, o ci sono o non c’è l’amico.
    @bar, sono d’accordo come vedi con te. Mi interessa ciò che hai aggiunto a proposito del branco goliardico, che credo sia un aspetto prettamente maschile. Credo che gli uomini soltanto per condividere un hobby, calcetto, o una bevuta, si ritengano amici. L’amicizia non ha niente di superficiale, anche quando si gioca, se è solo uno “stare insieme”, fa una brutta fine… Prima o poi…


  15. L’amicizia non sopporta le chiacchiere a vuoto e nemmeno le esagerazioni.

    a volte sì, ed è bello così🙂



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

poesieinformadidiario

"Luoghi, personaggi ed emozioni sono intenzionalmente veri"

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

sfrattattidisplinder

Just another WordPress.com site

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: